Browsing all articles in Nightwish
Mar
3
2008

Nightwish live in Milano 2008

Author JeKo    Category Concerti, Nightwish     Tags

02032008053

Tralasciamo che ho trovato traffico in autostrada per oltre 100 km tra Aosta e Milano (maledetti lavori interminabili dell’alta velocità, maledetto rientro domenicale dal week end in montagna, maledetti lavori in corso vari ed eventuali). Tralasciamo che partendo alle 5 di pomeriggio (apposta per evitare il traffico… maledetta partenza [non] intelligente!) e dovendo mangiare necessariamente in autostrada gli autogrill siano stati sommersi di “viandanti” autostradali… Tralasciamo che alle 20 suonavano i Pain (che sembrano essere stati davvero bravissimi) ma noi siamo arrivati alle 20:45 per cui ce li siamo bellamente persi (molto peccato… dovrò rimediare quanto prima)…

Messa in questi termini sembrerebbe quasi che il concerto sia stato un flop clamoroso… e invece no… Inizio previsto per le ore 21:00, i 5 finlandesi si presentano sul palco con un leggero ritardo (giusto 10 minuti, indispensabili per far salire l’adrenalina)…

E finalmente le luci si spengono. Il boato sale tra le pareti di un Palalido stracolmo di gente. Bellissime le luci che gravitano impazzite sul palco illuminando il fumo artificiale che fe sempre molto ambience… La musica d’intro sale a livelli altissimi… e in men che non si dica sono sul palco… Jukka da il tempo e chitarra, basso e tastiere seguono inferocite una “Bye bye beautiful“) magistralmente eseguita… e poi via via si susseguono Dark Chest of Wonders, Whoever Brings the night, Ever dream, the Siren, la stupenda Amaranth (primo single del nuovo album), the Islander, la magnifica The poet and the pendulum, Sacramento of Wilderness, Sahara e Nemo (che rende tantissimo anche senza la voce di Tarja). Finta chiusura del concerto di rito e immediato rientro sul palco per chiudere la serata con tre capolavori: 7 days to the wolves, Wishmaster (che, ad essere sincero, non mi piace cantata da Anette… purtroppo in questo frangente si sente la mancanza di Tarja… ma è un fattore piuttosto limitato nella totalità del concerto) e Wish I had an angel.

Mi ha stupito tantissimo The Islander, fantastica interpretazione acustica a due chitarre (Marco e Emppu) cantata da Marco con i cori di Anette e l’ausilio delle tastiere di Tuomas

Come sempre ho detto, Jukka è un batterista con le palle e conferma il suo talento in questa ora e mezza di musica senza sosta. Avrei voluto fare una foto con lui ma senza macchina fotografica appresso era davvero difficile 😛 Le foto che ho scattato con il telefonino non rendono giustizia alla magnificenza del palco e degli effetti speciali (bellissima la finta neve a fare da contorno a Nemo).

Rientro a casa ad un’ora anche abbastanza decente (1:45 di notte) con un’insana voglia di vedere concerti… E considerando che si va verso l’estate la scelta si fa ampia… Metallica, Kiss, Gods Of Metal, Deep Purple, Van Der Graaf Generator, Bad Religion, Motorpsycho, Tarja Turunen (in solista), Elio e le storie Tese… insomma, un duro colpo per il mio conto corrente 🙂

 

 

Technorati Tag: ,,,,,,,,,,

Dic
17
2007

buon compleanno Blog!

buon complkeanno No, non è il compeanno del mio blog… o meglio, è anche il compleanno del mio blog… ma non solo! Era infatti mercoledi 17 dicembre 1997 quando Jorn Barger, scrivendo nella pagina web personale, lancia le basi per quello che oggi è conosciuto come blog, contrazione di Web Log.

Da allora il blog ha avuto un’evoluzione enorme. Sono nati portali, software e aziende, ci sono state critiche feroci, elogi importanti, indifferenza o attenzione nei suoi riguardi. Le blogstar hanno preso il sopravvento e hanno radicalmente cambiato il modo di concepire l’informazione. Sono stati creati i camp per riunire gli estimatori di qualsivogla argomento/oggetto/evento… e quasi tutti i partecipanti sono blogger…

Chi non conosce questo mondo lo odia o lo ignora credendolo erroneamente il punto di ritrovo per fannulloni o alienati. Chi ci vive invece ne è quasi succube. Si scrive sul proprio blog, si collabora ad altri blog, si leggono altri blog, si commentano post di altri blog, si commentano commenti ai post di altri blog… Qualcuno ne ha fatto ragion di vita, qualcun’altro vola più basso e si chiede se non si stia esagerando…

happy birthdaySta di fatto che la comunicazione, proprio grazie a questo potentissimo strumento (sempre in evoluzione), è sempre più real-time e svincolata dai grandi media. Questo l’ha capito bene Beppe Grillo… meno bene l’hanno capito i politici… più o meno bene l’hanno capito le grandi aziende informatiche che organizzano aperitivi, incontri, invitano rappresentanti della blogosfera (o blogopalla che mi piace di più) e delle radio (unico mass media ancora vagamente libero… o almeno rispetto alla diretta concorrenza).

E dopo questa sfilza di idee un po’ contorte e ragionamenti al limite dell’inutilità: VIVA IL BLOG e VIVA LA BLOGOSFERA! Sentitissimi auguri a tutti! 😛

Nov
16
2007

Gesù o Barabba

Guido cesalLeggo oggi su “La Stampa” (sezione Valle d’Aosta) che il buon (?) Guido Cesal avrebbe paragonato il Refendum Propositivo alla scarcerazione di Barabba al posto di Gesù… ora, non vorrei dire, ma questa mi sembra davvero una grossa offesa al popolo tutto… in primis a chi l’ha votato (che lo rende dunque Barabba della situazione), e in secondo luogo tutti gli elettori pronti a far valere il loro voto (e con esso la propria intelligenza). Paragonare gli elettori al popolino ignorante e incapace starebbe ad indicare che lui e i governanti, in quanto tali, sono gli eletti? Gli Intelligenti? Gli Unici? Se è cosi, caro (?) Cesal, forse è il caso che torni a volare basso… perché, ti ricordo, prima di essere eletto eri un signor nessuno proprio come me e come tutti gli onesti (ed intelligenti) cittadini che domenica voteranno. Non votare significa fidarsi ciecamente dei propri rappresentanti politici… e, diciamocela tutta, il malumore serpeggia anche nella nostra fortunata terra Autonoma… Ma di sicuro non si riacquista la fiducia degli elettori dando loro degli ignoranti!

DOMENICA 18 NOVEMBRE TUTTI A VOTARE!!

Ah, PS: scommetiamo che domani uscirà una smentita in merito? Verrà detto dal sig. Cesal che “le mie parole sono state fraintese/manipolate/strumentalizzate”?

Tags: , , , , , ,

Ott
7
2007

Arrancabirra 2007

Sabato 6 ottobre 2007 – Ore 08:00

"Ma farà freddo?" "Mah, chi lo sa… io nel caso ho portato la giacca antivento, la tengo nello zaino" "E hai preso anche la borraccia?" "ma figurati, ci sono le birre…" "Non so te ma io mi sento un cretino… e poi con tutta sta roba addosso troveremo eterno!" "si, si, tranquillo, pure io… ma saremo i migliori, vedrai… per Wallace… e per la Birra!"

Con tanti dubbi ma il morale alle stelle, io (a destra nella foto) e Jul (ovviamente, a sinistra nella foto) ci accingevamo a partire per Courmayeur: destinazione Arrancabirra. Di che si tratta? Beh, Jul && JeKodetta in poche e semplici parole è la gara di quota più pazza mai pensata (e se qualcuno ha fatto di peggio, beh, complimenti vivissimi). La partenza della gara era a Courmayeur, 1.230 metri circa sul livello del mare… il percorso si snodava attraverso la val Sapin e poi saliva saliva saliva fino alla tête de la Tronche (cima Bernarda). Poi si scendeva fino al rifugio Bertone prima e Courmayeur dopo. Ultimo pezzo di nuovo in salita fino all’arrivo posto in località Ermitage. Che c’è di strano in tutto ciò? Beh, come recita il nome della manifestazione, ogni 5 km circa, erano posti dei "pit stop" in cui i corridori avrebbero dovuto bere delle birre (una al primo pit stop, due al secondo, una al terzo e due prima dell’arrivo). Più birre si bevevano, più tempo veniva sottratto al tempo finale… Ovviamente il massimo consentito era di sei lattine di birra (Peroni e Nastro Azzurro… giusto per fare un pò di pubblicità occulta 😛 ). La distanza completa del percorso si aggirava attorno ai 19.500 metri con un dislivello positivo (cioè calcolando solo la salita) di circa 1.350 metri… e, ragazzi, ve lo giuro, tutt’altro che rilassante 🙂

La manifestazione era rivolta a due categorie:
1) Agli atleti della corsa in montagna che avrebbero corso il trofeo Hurzler/Grivel e non avrebbero dovuto (ovviamente) bere le birre;
2) Agli "atleti" di bevuta birra.

Il sottoscritto, ovviamente e doverosamente, ha partecipato inserendosi di diritto (per meriti speciali che non starò qui ad elencare…) nella seconda categoria 😛

L'arrivo del galeotto e del sommozzatoreEssendo l’Arrancabirra una gara seria e semi-seria, l’abbigliamento era libero. Un gruppo di corridori francesi si è travestito da galeotti in fuga, sfoggiando un bellissimo costume a strisce gialle e nere. Altri hanno optato per rievocare il costume degli alpinisti del secolo scorso (dunque pantaloni alla Zuava, camicia a quadrettoni e cappello tradizionale). Un corridore addirittura si è travestito da sub (ma dubito abbia corso con le pinne). Io e Julien invece abbiamo deciso di partecipare vestiti da guerrieri scozzesi in stile Wallace… E dunque, via con i kilt (ricreati adattando delle gonne  a tartans delle nostre rispettive genitrici), calze rigorosamente di lana grezza, strisce di trucco in faccia, capelli lunghi e liberi al vento (reali quelli di Jul, finti i miei… e non avendo altro che una parrucca biondo platino ho dovuto vestire i panni del guerriero scozzese transessuale… ma tant’è…) e spada sulla schiena. Così conciati, percorrere tutta quella salita, credete a me, è stato davvero distruttivo… ma arrivare al punto più alto del tracciato (a 2.300 metri d’altezza)  urlando "Per Wallace! Per la Birra!" è stato qualcosa che non puoi comprare neanche con Mastercard… oltre ad essere stato uno spasso infinito… anche per gli altri corridori 🙂 Stesso rituale riproposto all’arrivo, dopo la bellezza di 5 ore di marcia (alla "stupefacente" media di 4 km/h… per la cronaca, il vincitore ha impiegato 1 ora e 50 minuti…).

Dopo la gara la miticissima organizzazione ha preparato il pranzo ed una bellissima festa con birra (ancora!) a volontà per tutti e i bravissimi Babata che per più di due ore (forse due e mezza, ero un pò alticcio e ho perso la cognizione del tempo, perdonatemi) a far ballare tutti (ma proprio tutti) i presenti.

Alle 19:30 abbiamo dovuto salutare tutti, lo stato alcoolico iniziava a farsi davvero esagerato e le gambe protestavamo smodatamente… Ma mi sto già preparando per il prossimo anno… ne vedremo delle belle!
Il riposo dei guerrieri ;)
Vi lascio con il video della festa e del servizio del tg regionale (da scaricare e vedere con RealPlayer). Mi raccomando, voglio commenti e segnalazione di foto – video – podcast o altro inerente a questa manifestazione 🙂

Ott
3
2007

Police live in turin 2007

The Police live in TurinIl concerto non sarebbe iniziato prima delle 21:30 ma noi eravamo già li alle 16:30… e l’attesa era spasmodica. Un mare di gente si era già riversata all’interno dello stadio Delle Alpi di Torino dove, qualche ora dopo, Sting, Stewart e Andy si sarebbero esibiti davanti a circa 65.000 spettatori…

Tra una birra, un panino dal porcaro davanti allo Stadio (salsiccia, crauti, cipolla e salse… giusto per tenersi leggeri 😛 ) e Mauro che imprecava contro la Tre che andava e veniva, il tempo passava lento ma costante (e, per fortuna, sennò ci toccava riscrivere buona parte delle leggi della fisica 😛 ).

E finalmente l’entrata: palco colossale (e non poteva essere che cosi dato il calibro dei musicisti), gente ovunque, un trionfo di casse, luci, telecamere e gente con gli occhi lucidi. Si sentono alcuni commenti dei presenti "Ancora non ci credo! I Police!", "Sting dal vivo, incredibile!".

Teoricamente le danze avrebbero dovuto aprirle i Fiction Plane alle 20:15… e invece on stage si presentano i salentini dell’Ensemble della Notte della Taranta… I commenti iniziali sono stati i più disparati, ma dopo 2 minuti di musica incalzante ballavano anche i membri della security! Quasi mezz’ora di bellissima musica prima dell’arrivo in scena dei Fiction Plane (gruppo capeggiato dal cantante-bassista Joe Summer… che poi sarebbe il figlio di Sting… e con Seton Daunt alla chitarra e Pete Wilhoit alla batteria) che, a dirla tutta, mi hanno tutt’altro che impressionato… anzi!. La mia "agonia" è durata fortunatamente non più di 35 minuti perchè è finalmente giunta l’ora del magico trio… l’emozione del sottoscritto (e con lui di almeno altre 40.000 persone) è letteralmente alle stelle… La pausa dopo i Fiction Plane si fa lunga, la gente comincia ad applaudire ed incitare… finchè le luci si spegono improvvisamente lasciando lo stadio Delle Alpi nel buio completo… E una voce calda intona "Just a castaway, an island lost at sea, oh…". Ed è cosi che inizia lo strepitoso concerto dei Police: con Message in a bottle, uno tra i più grandi successi del gruppo britannico.

La scaletta si fa subito interessante e non mancano brani storici abbinati a canzoni più recenti: "Walking on the moon", "De Do Do Do", "Roxanne" , "Don’t Stand So Close to Me" fino a "Every breath you take" che chiuderà questa 2 ore di musica indimenticabile!

Dopo aver atteso lo svuotamento dello stadio è stato il turno del bis chez le porcaro con altrettanto panino unto e apprezzatissimo…

Rientro a casa alle 3:45 dopo una bella dose di traffico sulla tangenziale nord (smaltita all’altezza del bivio per Milano… a quanto pare metà dei supporters arrivava proprio da li) e, francamente, tanta voglia di postare subito ma poca voglia di sottrarre tempo al poco sonno superstite  (ve l’ho detto che ho anche riformattato il portatile da poco? devo reinstallare tonnellate si software… Farlo ieri sera non "s’aveva da fà"… 😛

Pubblico dei Police 

EDIT: momento clue della serata quando Atla, soddisfatto del panino del porcaro, mi guarda con un sorriso a metà tra il godurioso e l’ebete e mi dice "Ahhhh… Mi sento unto dentro"… momenti di verà ilarità 😛

Ago
12
2007

On air

Si spengono le luci. La sala è immersa nella penombra causata dalle lampade del mixer al di la dello spesso vetro. Il conto alla rovescia procede un secondo per volta, senza fretta, senza affanno… -20… -15… -10. Il cuore inizia ad accellerare e in mente ti sovvengono migliaia di parole… quelle pensate nell’ora precedente… -8 e la musica inizia a sfumare. L’uomo con le cuffie al di la del vetro alza lo sguardo e accenna  un "ok". La musica degrata fino all’impercettibile… -3, si accende la luce nel piccolo display posto sul tavolo "On Air"… e con voce calda e complice la conduttrice attacca "Buon pomeriggio a tutti gli ascoltatori. Sono le 15 in punto". La sua collega mi rivolge uno sguardo, mi stizza l’occhio e si butta a capofitto nel discorso appena iniziato: "e buon giorno anche da parte mia. Oggi piove e noi siamo qui a tenervi compagnia come ogni pomeriggio".

Cosi ha inizio la mia prima diretta radio sulle onde di Rai Radio Valle d’Aosta. Le padrone di casa sono Katia Berruquier e Ivana Cretier. La trasmissione che ci ospita è Estateconnoi (estateconnoi.raivda@rai.it), trasmissione di cultura e musica in lingua italiana e francese.

Seduto alla mia destra c’è Lollo, con un bel paio di cuffie in testa e una matita che tamburella sulla simil moquette blu cielo della scrivania.

"Ospiti in studio quest’oggi Laurent Domaine e PierPaolo Zus, rispettivamente e Art director e General Promoter del La Salle Rock Festival: allora ragazzi, cosa ci raccontate?".

E si attacca a parlare… progetti, idee, motivazioni, speranze… tutto compreso in un’oretta intervallata da canzoni più o meno rock, più o meno pop, più o meno più e meno francesi/francofone. Il fiume in piena Lollo sfoggia la sua lingua sciolta descrivendo vita morte e miracoli dei gruppi e alla domanda "ah, tu suoni? in che gruppo?" ci delizia con il suo nuovo progetto: "Siamo una band di nuova formazione, facciamo una musica pesante, molto pesante… a voi ragazze probabilmente non piacerebbe… facciamo un potente Heavy Metal… ci chiamiamo (rullo di tamburi) ‘Cinzia’!"… "Cinzia?!? come Cinzia?! un nome un pò atipico per la musica che fate, no?"… Dietro il mio microfono faticavo a trattenere le risate ma la diretta imponeva una qual minima forma di serietà… e mi son trattenuto… ma questa è da scrivere negli annali!

Ore 15:58, scatta l’ultima canzone e noi ci si toglie le cuffie e ci si augura di aver fatto una (quasi) buona figura… in fondo era la nostra prima diretta… chissà se ce ne sarà una prossima… Lollo fa promettere al duo conduttivo che il prossimo anno saranno loro a presentare il La Salle Rock… e chissà, forse la cosa diverrà realtà… i progetti sono tanti e la speranza di fare qualcosa di concreto per la nostra musica è davvero un buon motivo per darsi da fare… Oggi è il 12… mancano 2 giorni!…
 

Lug
8
2007

GranTrail del Valdigne

Gran Trail del Valdigne: cartografia Avrà luogo sabato prossimo, 14 luglio 2007, con partenza da Courmayeur, il primo Gran Trail della Valdigne, gara podistica per gente veramente tosta… Il percorso si articola su una distanza di oltre 80 km (circa 82 in totale), si vallicano 4 colli (Liconi, Fetita, Croce e Arp) con un dislivello positivo totale di 5.000 metri (considerando anche il dislivello negativo si raggiungono i 9.944 metri). Il tempo limite fissato dall’organizzazione è stato valutato in 24h (non continuative).

Sul percorso saranno stanziati gli oltre 130 volontari che seguiranno gli oltre 300 concorrenti fornendo loro tutta l’assistenza necessaria (cibo, bevande, indumenti, soccorso medico e via dicendo).

La gara ovviamente è destinata agli amanti della montagna con un’ottima preparazione tecnica e fisica… 82 km di salite e discese in mezzo alle montagne non sono esattamente una passeggiata.  

La gara toccherà ovviamente tutti e 5 i paesi che compongono la Valdigne: si parte da Courmayeur, si passa sopra Morgex verso il colle Liconi, si scende a La Salle e la si attraversa. Si massa nel centro di Morgex e si prosegue prima verso Pré Saint Didier poi verso La Thuile e, dopo aver vallicato il colle Arp si rientra in Courmayeur…

Gran Trail del valdigne: dislivelli 

Citazione dell’anno


"Odiare i mascalzoni è cosa nobile"


Marco Fabio Quintiliano

Headers 2.0!

Headers 2.0 .... back again!
Paraponzi ponzi po'... gli headers son tornati... e tu che aspetti? Join the community! Scopri come (e scarica il .PSD!)

Que pasa aqui?

Luglio: 2019
L M M G V S D
« Feb    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Nuvolame vario

Commenti recenti

Archivi

This blog is – questo blog è…

100% Made in Italy

Admin area