Browsing all articles in cineteca
Ott
22
2008

The Mist

Author JeKo    Category cineteca, film     Tags

themist

Tratto dal racconto "La Nebbia", contenuta nel famosissimo libro di Stephen King "Scheletri" (1985), periodo d’oro della produzione del grandissimo scrittore americano (sono gli anni in cui vengono alla luce "l’occhio del male", "It", "Misery" e "la metà oscura" giusto per citarne alcuni) , The Mist è un film apparentemente horror allo stato puro. Una situazione sconosciuta, delle non meglio precisate creature malvage, un alone di terrore e la follia che prende il sopravvento sulla razionalità. Ma anche un film introspettivo in cui si gioca su sentimenti contrastanti, dottrine esasperate e legami dettati dalla necessità di sopravvivere. King da sempre è stato bravissimo a trasportare questa paura nei suoi libri. Lo stesso non si può dire, secondo me e limitato a questa pellicola, di Frank Darabont, regista del film in questione, e del cast di attori che hanno fatto parte dello staf di The Mist. Ad eccezione di alcune scene molto belle, di alcune frasi particolarmente significative e su cui riflettere ("Gli esseri umani sono tutti un po’ folli sennò perchè dovrebbero esistere politica e religione?" o "Metti due persone in una stanza e quelle troveranno un motivo per uccidersi!") e un direttore della fotografia capace di cogliere ottimamente il fulcro delle scene madri (per la cronaca è Ronn Schmidt, di cui, purtroppo, ne io ne Wikipedia sappiamo molto) il film si svolge noiosamente e, spesso banalmente tra situazioni tragiche ma mal recitate, attimi di disgusto tipicamente horrorifero ma con effetti speciali, il più delle volte, niente più che carini.

themist2

Grafica digitale molto curata nei dettagli "fisici" (salvo i ragni con dentatura umana… vabbé che si trattarebbe di esseri provenienti da un’altra dimensione ma a tutto c’è un limite!) ma solo approssimativa nei movimenti delle creature (ancora i ragni… veloci, precisi e letali quando devono uccidere i figuranti ma soporiferi, goffi e imprecisi  quando, guardacaso, stanno per attaccare un personaggio principale…).

E di critiche che ce ne sarebbero mille… a partire dal tema trito e ritrito della porta dimensionale sfuggita di controllo (ok, fedele al libro ma resta  comunque una scappatoia inflazionata!), ai personaggi che, novelli Neo di Matrix, schivano le ragnatele con effetti moviola che neanche Novantesimo Minuto… e ancora, il figlio di David, Billy, che soffre di personalità multipla? Piange a dirotto, poverino, e non vuole lasciare che suo padre affronti la morte atroce per mano di terrorifiche creature per salvare un amico in fin di vita… ma basta che il buon genitore gli dica  "prometto di tornare e salvarti" per calmarlo e farlo addormentare tra le braccia della donna bionda di cui si ignora l’utilità… E che dire della postura dell’appena nominato Billy in braccio al padre? Sembra o non sembra un sacco di patate? No, ditemi voi se  un ragazzino di, diciamo 10 anni, deve essere sempre e costantemente tenuto in braccio? Ma non può starsene seduto? E ancora la gente terrorizzata dai giurassici canarini assassini di taglia xxl che scorrazzano felici e si divorano l’un l’altro al di la di un semplice vetro… ovviamente, anziché cercare un nascondiglio anche solo decente, preferiscono aspettare per vedere chi verrà mangiato per primo dopo che il vetro venga ridotto in briciole dai suddetti volatili…

Criticabile anche la pseudo simil storia d’amore tra il soldato e la cassiera… non si poteva proprio evitare quella scena completamente inutile che non aggiunge nulla alla storia (tantopiù che la disgraziata, come per un nefasto contrappasso, muore trenta secondi dopo il tanto atteso bacio…)?

themist3

Ma parliamo anche di pregi perché in fondo alcuni ci sono… partiamo dalla simbologia… e citiamo subito il quadro che David sta dipingendo all’inizio del film… per gli appassionati di King non sarà sfuggito il fatto che il cowboy rappresentato, altri non è che Roland Deschain pistolero di Gilead, protagonista della saga "La Torre Nera" (inziato da un King ancora studente nel lontano 1982 e completato dopo vari stravolgimenti epici-fantastici-horroriferi-futuristici solo nel 2004), figura quasi mistica e dalla personalità articolatissima. Per quanto riguarda la fotografia e il suo ruolo focale nell’ensemble filmico sono stato colpito dalla scena in cui il giovane soldato viene sacrificato e dato in pasto alla "Bestia". L’inquadratura dal basso, con il primo piano terrorizzato del giovane e con sfondo sfuocato dalla nebbia la colossale figura della Mega Mantide (che, volendo, ricorda uno dei Tripodi de La Guerra dei Mondi) che si erge altissima dietro di lui. Ed infine il finale sadico (tralasciando lo scontato e banalissimo fatto che le cartucce residue, ovviamente, sono solo 4 e qualcuno resterà senza morte rapida e poco dolorosa) in cui la salvezza era quasi a portata di mano ma non viene raggiunta da nessuno, salvo David che, alla stregua di un novello ma sventurato Abramo, non viene fermato da Dio nel momento del sacrificio del suo adorato figlio Isacco.

Ed ora i miei voti, ovviamente siete liberi di scrivere la vostra opinione e commentare questo articolo e le votazioni se vi fa piacere.

Regia: 4/10
Recitazione: 3,5/10
Effetti speciali: 5,5/10
Fotografia: 8/10
Colonna sonora: 6/10
Voto globale: 5/10

Mar
22
2008

Il mistero della casa sulla collina

Author JeKo    Category cineteca     Tags

house Serata di pioggia frammista a neve dopo una giornata lavorativa pesante… "che c’è di meglio che poltrire sul divano davanti ad un bel film?" Ecco, questo pensavo un’ora e mezza fa… Resta solo il problema di scegliere un film adatto alla serata… vediamo… questo mi sa di palloso… questo di troppo sdolcinato (e oggi sono per qualcosa di poco impegnativo)… questo mi sa di guerraiolo e preferirei un film tranquillo… vediamo… "Il mistero della casa sulla collina"… proviamo a vedere qualche fotogramma a random e poi si deciderà……………….. Porca miseria! Fichissima l’idea di mettere uno schermo sul fondo di un ascensore che simuli la caduta dello stesso terrorizzando gli ospiti! Ah, quella sarebbe l’entrata del luna park di proprietà del protagonista del film? GE – NIA – LE! Film approvato all’unanimità dei presenti… cioè il sottoscritto in solitaria… 😛

Bizzarra l’introduzione al film, non c’è che dire… e decisamente interessante l’incipit iniziale… due ricconi, marito e moglie, con personalità estremamente al di fuori dal comune… E l’idea della festa a sorpresa… micidiale direi…

E poi… e poi… no, non sarà "come morire"… ma quasi ci siamo… anzi… si, proprio ci siamo… ed io che volevo un film tranquillo, sereno, senza impegno! Guarda che mi salta fuori… porca miseria e boia d’un mondo schifo… ho avuto la pelle d’oca per mezzo 045968_ph7film… e pensare che di solito non mi impressiono facilmente!

Che dire dunque? Lo consiglio sto film? O lo boccio clamorosamente? Facciamo che io non lo consiglio ma ne incorag-gio platealmente la visio-ne…  ma solo se non siete di quelli che al minimo millilitro di sangue distoglie lo sguardo e alla prima immagine delirante cambia canale… No, non è un film splatter pieno di zombie che succhiano cervelli… è più fine… malato oserei dire… si, un film malato… più o meno come "Infection" dell’ottimo Masayuki Ochiai… ma meno giappu… e con un pizzico di quelle immagini orrorifico-inquietanti che andavano ai tempi  dei primi grandi horror d’autore… quelli, per intenderci, che basavano la loro essenza su immagini forti quali il taglio dell’occhio de "un chien andalou" di  Luis Buñuel e Salvador Dalí…

E sia, visto che proprio volete qualcosa di più approfondito sulla trama cercherò di venirvi incontro… diciamo che una coppia di ricchi eccentrici e svitati decisa di organizzare una "festa" per (o meglio dire "a") un gruppo di persone assolutamente sconosciute… a queste persone viene proposta una sorta di gara: chi passerà un’intera notte in una certa casa che si crede stregata (ma risulta poi essere un ex manicomio nazista in cui si praticavano le peggio torture ai pazineti), riceverà un milione di dollari… Da li tutto precipita. Padroni di casa sono l’insulso e l’inquietante… la colonna sonora e le immagini claustrofobiche vi terranno compagnia per circa un’ora facendovi correre le mani davanti agli occhi durante le scene chiave… ma scommetto 10 a 1 che da dietro le dita sbircerete per scoprire cosa succede…

E detto ciò, buona visione e, a seguire, sogni d’oro… sempre che ci riusciate 😉

Regista: William Malone.
Attori principali: Geoffrey Rush, Famke Janssen, Taye Diggs, Peter Gallagher, Chris Kattan, Ali Larter, Bridgette Wilson, Max Perlich e Jeffrey Combs.
Il film è il remake in chiave moderna (1999) de "La casa dei fantasmi" (1958) di William Castle.

 

Feb
14
2008

Harry ti presento Sally

harrytipresentosally Capitano delle sere tranquille… sere da tv e caminetto… Sere in cui il pc è spento e, francamente, meglio cosi!

Sere che in tv c’è il bagaglino, i politicanti, striscia la notizia e il calcio… sere in cui la voglia di guardare la tv è proprio la penultima cosa da fare (l’ultima è stare al pc… cosi si era detto 😛 )… ma poi giri canale e dici “Hey ma quello è Billy Crystal… Hey ma quella è Meg Ryan… stai a vedere che passano “Harry ti presento Sally“!… e poi passi un’ora e mezza a guardare un film sentimental-romantico anni ’80 (siamo nel 1989… mezza eternità fa o quasi) in cui le donne hanno pantaloni ascellari e capigliature che oggi portano solo vecchiette o divi del pop… In cui gli uomini hanno sempre la faccia da pseudo intellettuali col capello liscio-laccato e una camminata da maratoneta all’ultimo stadio…

Ma quello è indiscutibilmente il mio film preferito…

Si, lo so, fa strano da uno che guarda Simpson, Lost, Signore degli Anelli e Monsters & co… ma che vi devo dire? Forse in fondo in fondo ho un’anima anche io… e forse tende al romantico… chissà… stà di fatto che oggi, San Valentino, festa degli innamorati (ma, ai tempi delle scuole medie era solo la festa del primino) la serata è stata bella… serata di ricordi che vengono fuori man mano assieme allo svolgersi della trama del film… Pensieri che si rincorrono come i protagonisti del film… e che continuano anche dopo il fatidico “The end”, imperversando cocciutamente oltre i titoli di coda e la signorina che annuncia la “tribuna politica” successiva… Pensieri che, ovviamente, vorticano turbinosi (lo so che si dice turbinano vorticosi ma è un vecchio giochino di parole che spesso mi piace tirar fuori :P) e non mi lasceranno se non col meritato riposo notturno… o forse proseguiranno tra le braccia di Morfeo riportandomi alla mente avvenimenti passati di cui avevo perso memoria o quantomeno lasciato in un cantuccio mnemonico sepolto da mille altri pensieri…

Ancora un’ora e questo San Valentino sarà passato, non ho ancora fatto gli auguri a tutti gli innamorati… credo sia lecito farlo percui, ragazzi e ragazze, uomini e donne (ma anche uomini e uomini o donne e donne) che condividete qualcosa di profondo, che la vostra esistenza in coppia possa essere felice… ma non solo oggi per festeggiare una festa commerciale… che lo sia sempre, nel bene e nel male, col sole e con la pioggia… con una lacrima o con il sorriso…

DUE CITAZIONI A “CASO”…

Ti amo quando hai freddo e fuori ci sono 30 gradi. Ti amo quando ci metti un’ora ad ordinare un sandwich. Adoro la piccola ruga che ti viene qui quando mi guardi come se fossi pazzo. Mi piace che dopo una giornata passata con te sento ancora il tuo profumo sui miei golf. E sono felice che tu sia l’ultima persona con la quale chiacchero prima di addormentarmi la sera. E non è che mi senta solo… e non è perché è la notte di capodanno. Sono venuto stasera perché quando ti rendi conto che vuoi passare il resto della tua vita con qualcuno, vuoi che il resto della tua vita cominci il più presto possibile!”
-link

Un matrimonio non finisce mai solo per un’infedeltà: quello è un sintomo che qualcos’altro non va“.
Ah sì? Beh, quel sintomo si scopa mia moglie!

PS: chi si sta chiedendo ancora che film sia Harry ti presento Sally dia un’occhiata a questa scena… che tutti (nessuno escluso) hanno visto almeno una volta nella propria vita…

Set
25
2007

Storie di ordinaria manutenzione

Author JeKo    Category cineteca, film, religione     Tags

Cliente "Questo pc è lento e non capiamo perchè. Abbiamo provato a far controllare al tecnico incaricato (che di solito si occupa della manutenzione di camion e macchinari a motore… n.d.a.) non va su internet, non usiamo cd o penne usb… Stano eh?"

P.d.M. (povero disgraziato manutentore… alias io): "Già strano… soprattutto questi 24.572 files infetti… oltre a questi 19.800 spyware circa… e che ci fa nei bookmarks questo sexforfree.nu? Ma avete fatto girare l’antivirus ogni tanto?"

Cliente "Sisi, abbiamo installato il norton"

P.d.M: "………………………………………………………….. (bestemmia fra i denti)"

Morale della favola… disinstalla il norton… cerca le dll che norton si è portato con se nella tomba… aggiorna il nod… esegui il nod… disinstalla il vecchio adaware… installa il nuovo ad aware… aggiorna il nuovo ad aware… scansiona il sistema… pulisci il registro di configurazione (maledetto norton… si infila ovunque)… deframmenta il disco… Come buttare nel cesso una mattinata di lavoro…

 

Citazione dell’anno


"Odiare i mascalzoni è cosa nobile"


Marco Fabio Quintiliano

Headers 2.0!

Headers 2.0 .... back again!
Paraponzi ponzi po'... gli headers son tornati... e tu che aspetti? Join the community! Scopri come (e scarica il .PSD!)

Que pasa aqui?

Settembre: 2019
L M M G V S D
« Feb    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Nuvolame vario

Commenti recenti

Archivi

This blog is – questo blog è…

100% Made in Italy

Admin area