Fun'n'share

The Mist

themist

Tratto dal racconto "La Nebbia", contenuta nel famosissimo libro di Stephen King "Scheletri" (1985), periodo d’oro della produzione del grandissimo scrittore americano (sono gli anni in cui vengono alla luce "l’occhio del male", "It", "Misery" e "la metà oscura" giusto per citarne alcuni) , The Mist è un film apparentemente horror allo stato puro. Una situazione sconosciuta, delle non meglio precisate creature malvage, un alone di terrore e la follia che prende il sopravvento sulla razionalità. Ma anche un film introspettivo in cui si gioca su sentimenti contrastanti, dottrine esasperate e legami dettati dalla necessità di sopravvivere. King da sempre è stato bravissimo a trasportare questa paura nei suoi libri. Lo stesso non si può dire, secondo me e limitato a questa pellicola, di Frank Darabont, regista del film in questione, e del cast di attori che hanno fatto parte dello staf di The Mist. Ad eccezione di alcune scene molto belle, di alcune frasi particolarmente significative e su cui riflettere ("Gli esseri umani sono tutti un po’ folli sennò perchè dovrebbero esistere politica e religione?" o "Metti due persone in una stanza e quelle troveranno un motivo per uccidersi!") e un direttore della fotografia capace di cogliere ottimamente il fulcro delle scene madri (per la cronaca è Ronn Schmidt, di cui, purtroppo, ne io ne Wikipedia sappiamo molto) il film si svolge noiosamente e, spesso banalmente tra situazioni tragiche ma mal recitate, attimi di disgusto tipicamente horrorifero ma con effetti speciali, il più delle volte, niente più che carini.

themist2

Grafica digitale molto curata nei dettagli "fisici" (salvo i ragni con dentatura umana… vabbé che si trattarebbe di esseri provenienti da un’altra dimensione ma a tutto c’è un limite!) ma solo approssimativa nei movimenti delle creature (ancora i ragni… veloci, precisi e letali quando devono uccidere i figuranti ma soporiferi, goffi e imprecisi  quando, guardacaso, stanno per attaccare un personaggio principale…).

E di critiche che ce ne sarebbero mille… a partire dal tema trito e ritrito della porta dimensionale sfuggita di controllo (ok, fedele al libro ma resta  comunque una scappatoia inflazionata!), ai personaggi che, novelli Neo di Matrix, schivano le ragnatele con effetti moviola che neanche Novantesimo Minuto… e ancora, il figlio di David, Billy, che soffre di personalità multipla? Piange a dirotto, poverino, e non vuole lasciare che suo padre affronti la morte atroce per mano di terrorifiche creature per salvare un amico in fin di vita… ma basta che il buon genitore gli dica  "prometto di tornare e salvarti" per calmarlo e farlo addormentare tra le braccia della donna bionda di cui si ignora l’utilità… E che dire della postura dell’appena nominato Billy in braccio al padre? Sembra o non sembra un sacco di patate? No, ditemi voi se  un ragazzino di, diciamo 10 anni, deve essere sempre e costantemente tenuto in braccio? Ma non può starsene seduto? E ancora la gente terrorizzata dai giurassici canarini assassini di taglia xxl che scorrazzano felici e si divorano l’un l’altro al di la di un semplice vetro… ovviamente, anziché cercare un nascondiglio anche solo decente, preferiscono aspettare per vedere chi verrà mangiato per primo dopo che il vetro venga ridotto in briciole dai suddetti volatili…

Criticabile anche la pseudo simil storia d’amore tra il soldato e la cassiera… non si poteva proprio evitare quella scena completamente inutile che non aggiunge nulla alla storia (tantopiù che la disgraziata, come per un nefasto contrappasso, muore trenta secondi dopo il tanto atteso bacio…)?

themist3

Ma parliamo anche di pregi perché in fondo alcuni ci sono… partiamo dalla simbologia… e citiamo subito il quadro che David sta dipingendo all’inizio del film… per gli appassionati di King non sarà sfuggito il fatto che il cowboy rappresentato, altri non è che Roland Deschain pistolero di Gilead, protagonista della saga "La Torre Nera" (inziato da un King ancora studente nel lontano 1982 e completato dopo vari stravolgimenti epici-fantastici-horroriferi-futuristici solo nel 2004), figura quasi mistica e dalla personalità articolatissima. Per quanto riguarda la fotografia e il suo ruolo focale nell’ensemble filmico sono stato colpito dalla scena in cui il giovane soldato viene sacrificato e dato in pasto alla "Bestia". L’inquadratura dal basso, con il primo piano terrorizzato del giovane e con sfondo sfuocato dalla nebbia la colossale figura della Mega Mantide (che, volendo, ricorda uno dei Tripodi de La Guerra dei Mondi) che si erge altissima dietro di lui. Ed infine il finale sadico (tralasciando lo scontato e banalissimo fatto che le cartucce residue, ovviamente, sono solo 4 e qualcuno resterà senza morte rapida e poco dolorosa) in cui la salvezza era quasi a portata di mano ma non viene raggiunta da nessuno, salvo David che, alla stregua di un novello ma sventurato Abramo, non viene fermato da Dio nel momento del sacrificio del suo adorato figlio Isacco.

Ed ora i miei voti, ovviamente siete liberi di scrivere la vostra opinione e commentare questo articolo e le votazioni se vi fa piacere.

Regia: 4/10
Recitazione: 3,5/10
Effetti speciali: 5,5/10
Fotografia: 8/10
Colonna sonora: 6/10
Voto globale: 5/10

Related Posts

11 Responses
  1. Msrco

    Ho una suzuky ignis anno 2005 ho sbagliato il codice di sblocco tre volte esce la scritta 7 safe come faccio

  2. Ciao Marco,
    se non ricordo male, le autoradio come quella della Ignis, ti permettono di provare fino a 10 volte il pin pima di bloccarsi del tutto. Ogni volta che sbagli ad inserire un codice, l’autoradio si “blocca” per un certo periodo di tempo (inizialmente è poco, poi, man mano, cresce). Dato che mi hai scritto il 5 aprile, a quest’ora dovrebbe essere di nuovo possibile provare un codice. Se sbagli di nuovo, il codice di errore dovrebbe diventare “Safe 6” poi “Safe 5” eccetera (indica i tentativi che ti mancano prima che l’autoradio si blocchi del tutto). Se il software di cui parlo nell’articolo non ti funziona, ti consiglio di rivolgerti ad un elettrauto (o ad un concessionario Suzuki) perché una volta finiti i tentativi, temo l’autoradio non sia più recuperabile.

  3. Ale

    Ciao, una domanda: io il codice ce l’ho ma dopo che il meccanico mi ha dovuto staccare la batteria sembra che la radio non lo riconosca piu’… E’ possibile?
    grazie in anticipo

  4. In teoria no. Il codice di sblocco compare proprio dopo un reset della batteria. Immagino che il codice sia stipato in una eeprom (quindi non volatile). Però se non ti accetta il codice, potrebbe essere che abbia una memoria interna che si è scaricata… In questo caso, dovrebbe esserci un codice di default ma, purtroppo, non so dirti molto di più. Proverò ad informarmi

  5. Ale

    OK, grazie1000 per la disponibilità!
    Non capisco proprio perché stavolta il codice che ho gia’ usato non funziona…

  6. Diego

    Salve, il ragazzo con la scritta “7 safe”… sei riuscito a risolvere? a me non appare nessuna scritta code, il codice ce l’ho ma non riesco a inserirlo dato che rimane fisso su 7 safe…

    Grazie

  7. Fra

    Escono due numeri di 4 cifre, il primo di colore rosso e il secondo nero, che dufferuscono solo nella prima cifra, quale è wuello giusto?

  8. Se non ricordo male dovrebbe essere il primo dei due… Ma vado a memoria e non te lo posso garantire. Però se non hai mai fatto tentativi, puoi provare entrambi. Se riesco verifico quale dei due è.

  9. Fra

    Adesso, dopo tre tentativi falliti (forse ho sbagliato io a digitare i numeri oppure il codice dato non era esatto, non saprei) il display è bloccato su “7 SAFE”. Che significa e che fare?

Leave a Reply