Fun'n'share

Me, myself & the kitchen: la Pavlova

pavlova
(la foto è d’archivio perché la meringa si trova attualmente in forno… a breve aggiornamenti).

Dopo aver seguito qualche lezione di alta cucina dalla maestra pirlina (con scarsi risultati ad essere sinceri), ho deciso che la mia sarebbe stata una missione: imparare a sopravvivere culinariamente…

E ora, dopo mesi e mesi di studio, posso dirmi sulla buona strada per l’emancipazione 😛

Quel che vi presento oggi è una derivazione casalinga della torta cosiddetta Pavlova, dolce su base di meringa (se ne verrà fuori qualcosa di presentabile potrei scattare qualche foto e proporla a lei come header per il suo blog… chissà :P). Ebbene si, i primi piatti mi sono congeniali ma ancora vagamente off limit nelle derivazioni più difficoltose… i secondi piatti sono più agevoli ma meno “divertenti”… il dolce è il cibo per eccellenza in quanto divertimento di preparazione e soddisfazione post realizzazione… non so a voi ma a me vedere una bella torta preparata con tutti i crismi (o quasi eh!) da parecchi soddisfazione 😛

Percui ecco a voi la ricetta rimediata (dal sottoscritto e dal suo principale ispiratore: chef Tony detto “papà pensionato-casalingo” :P)

TORTA PAVLOVA (v. 02b)

Ingredienti per 6 persone (golose) circa:

  1. 5 albumi d’uovo;
  2. 20 g. di zucchero a velo;
  3. 180 g. di zucchero;
  4. Panna da montare: q.b. (circa 350 ml… ma anche 400 se preferite);
  5. Frutti di bosco: anche qui q.b., dipende da voi 😛
  6. Pezetti di cioccolata (al latte, fondente, alle nocciole, fate voi secondo preferenza), ovviamente q.b.

Preparazione
Dividere i tuorli dagli albumi delle 5 uova. Montare a neve con uno sbattitore elettrico i cinque albumi fino ad ottenere un composto bello spumoso e parecchio solido. Aggiungere i 20 grammi di zucchero a velo (che in realtà non sono strettamente indispensabili ma danno un tocco in più… come il cacio sui maccheroni :P) e amalgamarlo delicatamente al composto usando una spatola. Raccomando di mescolare sempre nello stesso senso per non far smontare il preparato… Ora riappropiarsi dello sbattitore elettrico e continuare a mescolare la spuma dell’uovo fin qui ottenuta aggiungendo lo zucchero un poco per volta… Risultato di questa manovra spumadovrebbe essere un composto zuccheratissimo e denssissimo che sembrerà mandare in affanno i poveri sbattitori… tranquilli è tutto regolare 🙂

Bene, è il momento di accendere il fuoco… o meglio… il forno 🙂 Qui purtroppo iniziano i dolori: le meringhe sono delicatissime e basta cuocerle troppo o troppo poco, ad una temperatura troppo alta o troppo bassa per sminchiare (scusate il francesismo) l’intera operazione. Il mio forno ho scoperto funzionare bene con questa ricetta a 120° centigradi per 2 ore esatte con riscaldamento superiore ed inferiore senza ventilazione e con la griglia al posto della teglia… la selezione di questa lunga serie di variabili è stata frutto di esperimenti scientificamente comprovati (leggasi bruciatura meringhe, non cottura delle stesse, trasformazione della meringa in chewing-gum)… purtroppo non vi resta che provare… la temperatura in ogni caso non deve essere superiore ai 130° o avrete una bella meringa flambé che, nella migliore delle ipotesi avrà un colore cioccolatesco… e nella peggiore… beh, mneglio non pensarci 😉

Tornando a noi: prendete un bel pezzo di carta forno e appoggiatela sul tavolo. Prendete un piatto da portata un po’ ampio… tipo quelli da pizza che sono perfett per l’usoi. Usate il piatto per disegnare con una matita sulla carta da forno un bel cerchio. Questa sarà la dimensione della base della nostra Pavlova. In questo cerchio versate il composto appena preparato. Con una spatola di gomma (o un semplice cucchiaio se non avete la spatola) create la base della torta cercando di avere i bordi più alti del centro. Queso servirà a fare da “contenitore” per la panna montata che aggiungeremo dopo la cottura. Cercate di pacioccare il composto meno possibile perché, ripeto, la meringa è infida e tende a smontare… meno la si tocca e meglio è. Una volta soddisfatti del risultato infornate per 2 ore.

Nota: la meringa, una volta preparata sopravvive per diversi giorni ma, ovviamente, appena fatta è migliore.

Una votla che la meringa è pronta e fredda potete guarnirla: montate la panna senza aggiungere lo zucchero (la meringa è già parecchio dolce di suo) e spalmatela bellamente sulla sua base. Adagiate in maniera artistica (cioè a random) i frutti di bosco sulla panna e aggiungete dei pezzetti di cioccolato… et voilà, torta pronta per essere divorata: buon appetito!

Tip&tricks: sia per montare la panna montata che per gli albumi, l’aggiunta di un pizzico di sale rende l’operazione più veloce… ma poco eh, non è un filetto di manzo, è una torta! 😛

Nel caso abbiate dubbi e/o suggerimenti lo chef (!?!?) JeKo risponde su skype, msn, cell o messaggio telepatico… utilizzare la pagina dei contatti per ogni evenienza 😛

 

Technorati Tag: ,,,,,,

Related Posts

11 Responses
  1. Msrco

    Ho una suzuky ignis anno 2005 ho sbagliato il codice di sblocco tre volte esce la scritta 7 safe come faccio

  2. Ciao Marco,
    se non ricordo male, le autoradio come quella della Ignis, ti permettono di provare fino a 10 volte il pin pima di bloccarsi del tutto. Ogni volta che sbagli ad inserire un codice, l’autoradio si “blocca” per un certo periodo di tempo (inizialmente è poco, poi, man mano, cresce). Dato che mi hai scritto il 5 aprile, a quest’ora dovrebbe essere di nuovo possibile provare un codice. Se sbagli di nuovo, il codice di errore dovrebbe diventare “Safe 6” poi “Safe 5” eccetera (indica i tentativi che ti mancano prima che l’autoradio si blocchi del tutto). Se il software di cui parlo nell’articolo non ti funziona, ti consiglio di rivolgerti ad un elettrauto (o ad un concessionario Suzuki) perché una volta finiti i tentativi, temo l’autoradio non sia più recuperabile.

  3. Ale

    Ciao, una domanda: io il codice ce l’ho ma dopo che il meccanico mi ha dovuto staccare la batteria sembra che la radio non lo riconosca piu’… E’ possibile?
    grazie in anticipo

  4. In teoria no. Il codice di sblocco compare proprio dopo un reset della batteria. Immagino che il codice sia stipato in una eeprom (quindi non volatile). Però se non ti accetta il codice, potrebbe essere che abbia una memoria interna che si è scaricata… In questo caso, dovrebbe esserci un codice di default ma, purtroppo, non so dirti molto di più. Proverò ad informarmi

  5. Ale

    OK, grazie1000 per la disponibilità!
    Non capisco proprio perché stavolta il codice che ho gia’ usato non funziona…

  6. Diego

    Salve, il ragazzo con la scritta “7 safe”… sei riuscito a risolvere? a me non appare nessuna scritta code, il codice ce l’ho ma non riesco a inserirlo dato che rimane fisso su 7 safe…

    Grazie

  7. Fra

    Escono due numeri di 4 cifre, il primo di colore rosso e il secondo nero, che dufferuscono solo nella prima cifra, quale è wuello giusto?

  8. Se non ricordo male dovrebbe essere il primo dei due… Ma vado a memoria e non te lo posso garantire. Però se non hai mai fatto tentativi, puoi provare entrambi. Se riesco verifico quale dei due è.

  9. Fra

    Adesso, dopo tre tentativi falliti (forse ho sbagliato io a digitare i numeri oppure il codice dato non era esatto, non saprei) il display è bloccato su “7 SAFE”. Che significa e che fare?

Leave a Reply