Browsing all articles tagged with aosta Archives - JeKo’s blog 0.7 b
Giu
10
2013

Licony Trail: a spasso tra le montagne

Licony Trail - il Bivacco Pascal, arrivo del Vertikal2000Licony Trail, a spasso tra le montagne

Per chi non lo sapesse, il12 e 13 di luglio 2013 avrà luogo il Licony Trail. Si tratta di una gara trail (corsa di montagna con lunghezza e dislivello importanti) divisa su due percorsi distinti con partenza da Morgex e transito nel comune di La Salle. I due tracciati hanno caratteristiche completamente diverse:

Il primo, definito appunto Licony Trail, è una gara di 25 km di lunghezza con dislivello positivo totale di 1300 metri (1300 D+), il secondo, definito Vertikal2000, come fa giustamente supporre il nome, è un doppio chilometro verticale (k2000) con lunghezza approssimativa di 10 chilometri ed uno sviluppo verticale di 2.000 metri esatti (si parte da Morgex, 920 metri sul livello del mare e si arriva al Bivacco Pascal a quota 2.920).

Non si tratta di due percorsi estremi (come possono essere un Ultra Trail Mont Blanc o un Tor des Géants) ma richiedono, comunque, una buona preparazione tecnica oltre alla piena consapevolezza che i chilometri da affrontare sono tanti e che correre in montagna non è come correre al parco sotto casa :D. Nondimeno queste sono gare elitarie: con un po’ di allenamento, la gara è affrontabile da quasi tutti. l’iscrizione è aperta a chiunque sia in buona salute (attestata da un certificato medico sportivo agonistico) e abbia compiuto almeno 15 anni di età.

Se vi interessa scoprire di più, vi invito a dare un’occhiata al sito (www.liconytrail.com) e, magari, finisce che ci vediamo sul tracciato di gara!

Buona corsa a tutti quanti! 🙂

 Licony Trail, Vertikal 2000

Mar
23
2010

Ci pisciano addosso e dicono che piove

tibetan_flag

Si, lo so bene che il titolo è un plagio di un famoso intervento video di Marco Travaglio su youtube… Ci pisciano addosso e dicono che piove… un po’ come “ci fanno togliere le Bandiere del Tibet e dicono che è per la nostra sicurezza”.

E poi ci si accusa di trasformare in politica tutti gli avvenimenti… e vorrei ben vedere! Pensiamoci, la libertà di espressione (per chi no sapesse cos’è può consultare quel bel libricino intitolato Costituzione Italiana, articolo 21) che Wikipedia spiega così:

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione[..]

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

Insomma, le forze dell’ordine che, durante la sfilata degli atleti partecipanti ai Giochi Mondiali Militari, hanno ben pensato di sequestrare una bandiera del Tibet messa in bella mostra nella vetrina di una nota libreria aostana, hanno violato uno dei dettami della Costituzione… e dire che queste cose di solito accadono in dittatura e negli stati di polizia dove i dissidenti sono trattati alla stregua dei peggiori delinquenti.

E dunque la domanda si fa semplice… perché continuiamo a mascherare la censura? Perché ci ostiniamo a fare la corte alla Cina? Interessi economici? Interessi politici? O semplice paura?

Secondo me la risposta è: “perché nessuno dei nostri cosiddetti politici ha le palle per prendere una posizione chiara, disinteressata e, soprattutto, unica”. Il tenere un piede in due (tre? quattro? x?) scarpe sembra essere il metro di giudizio dei nostri governanti… dice un vecchio adagio bellunese recita “pi se va su, pi se mostra’l cul” e credo non ci sia bisogno di google translator per capirlo.

E a noi cosa resta? uno sfoggio di divise a difendere la non costituzionalità dei governanti, una polizia al soldo non del cittadino ma di che dovrebbe farne le veci e, invece, fai cazzacci propri…

Chiudo con la speranza che questo avvenimento non faccia dimenticare cosa dovrebbe rappresentare la bandiera:

pace, pace sempre, pace per tutti, pace per sempre per tutti!

Dic
8
2007

Ian Paice ad Aosta… fra 90 minuti

1227418264_f3a83e7814_b Ok, sono in ritardo (come al solito….), avrei dovuto parlarne mesi e mesi fa (sennò a che serve spargere la voce in anticipo?) ma, preso da millemila impegni (sempre come al solito), me ne sono scordato…

Comunque alle 16:00 al Pigalle di Aosta, Ian Paice, storico batterista dei Deep Purple (ma anche Whitesnake, McCartney, Gary Moore e altri grandissimi nomi), terrà un “clinic” di batteria e stasera, verso le 21:30 a quel che ne so, suonerà assieme ai Nuova Officina, storica rock band aostana. L’ingresso si paga (20 euro per clinic+concerto e 12 euro solo concerto… ma non sono sicuro al cento percento della veridicità di tali importi) ma non mi interessa… voglio vedere il clinic, voglio vedere il concerto… voglio vedere Ian Paice e farmi firmare una pelle del rullante (Tama, e che altro? 😛 )…

Mi sento un po’ come quando avevo 15 anni… trasudo emozione da ogni poro… Ma che ci volete fare? Musicalmente sono nato con i Deep Purple e sono diventato (pseudo) batterista ascoltando Ian Paice…

Detto ciò cerco un’immagine consona per questo post, setto il layout con text-align:justify; e corro a prepararmi… spero di postare foto, video e commenti entro la mezzanotte di oggi…

Let’s ROCK!!

DSC00071EDIT: il clinic è concluso… Ian ha intrattenuto il non numerosissimo pubblico (quasi tutti musicisti) alternando virtuosismi batteristici a simpatiche scenette farcite di ricordi e informazioni sulla sua vita musicale. Molte le domande postegli “Qual’è il tuo batterista preferito? Fireball è il pezzo più difficile che hai mai composto?” (a questa Ian ha risposto: “macchè, è facilissima, vi faccio vedere” tra lo stupore dei presenti). Ne è venuto fuori un Paice molto alla mano, abituato a scherzare su di se stesso e su ciò che ha fatto. Ma anche un musicista con le palle e le contropalle… e, diciamocelo, sarei già felicissimo di riuscire a fare con due mani almeno metà di quello che fa lui con una… E, credetemi, non sarebbe nemmeno poco…

EDIT NOTTURNO: concerto strepitoso, band grandissima e con una carica unica… Ian ha perso 50 volte le bacchette ma, ragazzi, che mostro d’uomo… vederlo suonare è davvero un piacere per gli occhi e per le orecchie… Di seguito un po’ di roba grabbata con telefono e macchina fotografica: buona visione!

 

(Questo è parte del clinic del pomeriggio)

 

(Fireball)

 

(duetto di batteria)

 

Ago
8
2007

La Drummeria ad Aosta

La Drummeria

Ebbene si, finalmente sono riuscito a vedere si persona Christian Meyer. Per i profani che non sanno chi possa essere questo personaggio dico solo due cose: 1)batteria 2)Elio e le storie Tese. Il grandissimo batterista si è esibito quest’oggi (8 agosto 2007) proprio ad Aosta durante la kermesse “Strade del cinema 2007”. Ma Meyer non era solo… assieme a lui altri 3 grandissimi musicisti, rigorosamente batteristi: Walter Calloni, Paolo Pellegatti ed Ellade Bandini. A chiudere la magica cinquina mancava quest’oggi Maxx Furian, impegnato in un’altra tournee.

Lo spettacolo è durato circa un’ora e un quarto: non sono mancati assoli (di tecnica e velocità incredibili), pezzi a otto mani e gags televisive come lo pseudo quiz in cui i quattro eseguivano una canzone simulando tutti gli strmenti con il solo ausilio delle batterie e cercando di far indovinare al pubblico la canzone… in palio 4 disegni fatti a mano da Meyer… geniali anch’essi 😛 . Momento topico della serata proprio in conclusione quando i 4 hanno suonato altrettante batterie “virtuali” simulando i suoni a voce (lo so, non avete capito… grazie al cielo esiste la tecnologia sotto forma di macchina fotografica & youtube 😛 ).


Il pubblico è stato discreto (ma solo per quantità, non certo per mancanza di interesse!) e parecchio disomogeneo… mi sarei aspettato un nugolo di batteristi più o meno bravi ed invece ho trovato musicisti di ogni genere, nonnine, bambini, curiosi e veri e propri fan… E’ sempre bello vedere che iniziative del genere coinvolgono tutti e non solo una ristretta cerchia di interessati 🙂

Quanto a me… beh… mi è spiaciuto solo non aver indovinato nessuno dei pezzi proposti durante il quiz, i disegni di Meyer meritavano davvero 🙂

Per info sulla Drummeria vi rimando alla pagina web ufficiale dove potrete trovare news, immagini, video e tanto tanto altro.

La Drummeria

Citazione dell’anno


"Odiare i mascalzoni è cosa nobile"


Marco Fabio Quintiliano

Headers 2.0!

Headers 2.0 .... back again!
Paraponzi ponzi po'... gli headers son tornati... e tu che aspetti? Join the community! Scopri come (e scarica il .PSD!)

Que pasa aqui?

agosto: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Nuvolame vario

Commenti recenti

Archivi

This blog is – questo blog è…

100% Made in Italy

Admin area