Browsing all articles in informatica
Giu
9
2013

Internal server error 500 su Aruba: la soluzione!

Aruba e WordPress

ATTENZIONE: questo post risale a Giugno 2013, le soluzioni suggerite potrebbero non essere più efficaci!

Internal Server Error 500 con Aruba: il danno e la soluzione!

Alzi la mano chi ha un blog basato su WordPress ospitato sui server Linux di Aruba e non ha mai avuto un “Internal server error 500”! Nessuno? Proprio nessuno? Immaginavo… Bene, forse, dopo lunghi tentativi ed altrettanti litri di caffé per tenere alta la concentrazione, ho risolto il problema una volta per tutte… la soluzione è molto facile e, soprattutto, definitiva (NOTA: uesto post è del 2013 ed io ho abbandonato Aruba da un bel po’… le cose nel frattempo potrebbero tranquillamente essere cambiate)! Se qualche scettico sta pensando “scommetto che la soluzione è riparare le solite permission danneggiate”, dovrà ricredersi, la modifica che segue è definitiva e testata da me personalmente su 4 blog WordPress hostati su Aruba: in fase di aggiornamento automatico di temi, core e plugin, non ho riscontrato più nessun Internal Server Error 500!

Seguitemi con attenzione:

  • Per prima cosa entriamo nella pagina di configurazione del nostro hosting Aruba raggiungibile da qui. Compiliamo il form con il nome del nostro dominio (ovviamente senza il WWW davanti), inseriamo il nostro user name Aruba (qualcosa tipo 1234567@aruba.it), la relativa password e, infine, compiliamo il CAPTCHA;
    Xdebug && MAMP - step 1, login to Aruba admin panel
  • Nella zona denominata “LINUX AREA” troverete la voce Pannello gestione Hosting Linux, cliccatela;
    Xdebug && MAMP - step 2, scegliere l'amministrazione dell'hosting linux
  • Ora siamo all’interno del Pannello gestione Hosting Linux, in alto selezionate l’ultima tendina (Strumenti ed impostazioni);
    Xdebug && MAMP - step 3, scegliere "strumenti ed impostazioni"
  • Ora dovrete scegliere la voce “personalizzazione del file php.ini“;
    Xdebug && MAMP - step 4, scegliere il corretto file php.ini
  • Vi si aprirà una nuova finestra dove potrete selezionare la tipologia di file php.ini più adatta alle vostre necessità: per risolvere il nostro Internal Server Error 500, dovrete selezionare, ovviamente, la voce WORDPRESS;
    Xdebug && MAMP - step 5, scegliere php.ini per wordpress

Che ci crediate o no, questa è la soluzione ad ogni Internal Server Error 500 causato da WordPress (ovviamente se il problema è relativo alle permission e non ad un plugin che fa casino… per quello dovrete scervellarvi in altro modo, mi spiace).

Se questa soluzione vi aiuta,lasciate un messaggio… se invece non dovesse bastare, fatemelo sapere e cercherò di darvi una mano 🙂

Buon blogging!

Nov
28
2010

Rispristinare le icone di Windows 7

Utilizzare Explorer per recuperare le icone scomparse

Ommioddio! Che fine hanno fatto le icone?!?

Windows, si sa, spesso è capriccioso… e la sua capricciosità si riscontra in innumerevoli situazioni. A me è capitato proprio in questi giorni di assistere ad un evento bizzarro (non sto a spiegarvi i perché e i percome per non annoiarvi): le icone dei programmi (sul desktop, nella barra di avvio veloce e nel menu programmi) risultavano mancanti (cioè il disegno originale dell’icona era visualizzato usando la classica icona di link mancante) ma i programmi si aprivano senza problemi.

Per risolvere la cosa, dopo una breve ricerca su internet, la soluzione è saltata fuori.

Sappiate che il database delle icone è situato, parlando di Windows 7 (e anche Vista direi) in c:\Users\utente\AppData\Local e si chiama IconCache.db. Ovviamente al posto di utente si dovrà scrivere il nome dell’utente le cui icone risultano mancanti (se non sapete qual è il nome utente abbinato al vostro profilo, basta cliccare sull’icona di avvio in basso a sinistra  e leggere il nome della cartella dei dati personali dell’utente… nel mio caso è jeko per cui la cartella esatta è c:\users\jeko\AppData\Local.

La procedura è semplice: chiudete tutti i programmi in esecuzione, aprite il task manager (premendo ctrl + alt + canc –> avvia gestione attività oppure cliccando col tasto destro del mouse sulla barra di windows e scegliendo avvio gestione attività), cliccare col tasto destro su explorer.exe e selezionare termina attività.

Explorer.exe è il gestore della parte grafica di windows pe rcui, una volta ucciso il processo in questione, la barra di windows e ogni altra finestra (escluso gestione attività) verranno inesorabilmente chiuse. A questo punto, clicchiamo nel menù File e selezioniamo “Nuova attività (esegui)” e scriviamo cmd. Si aprirà la tanto amata/odiata console di DOS, una bella finestrella nera in cui il pc ci chiede di inserire comandi testuali.

Dovreste trovarvi all’interno della cartella c:\Users\nomeutente. (se non lo siete digitate cd.. tante volte quante serve per trovarvi nella root del sistema operativo, cioè visualizzando solo  c:\, e poi digitate il comando c:\Users\nomeutente). Ora digitate i comandi seguenti, seguiti da invio:

cd AppData/Local (vi dovreste trovare, dunque in c:\Users\nomeutente\appdata\local)

DEL IconCache.db /a (questo comando cancella la cache delle icone che verrà ricostruita al prossimo riavvio di Explorer.exe)

EXIT

Fatto ciò la finestra nera di DOS si chiude. Selezioniamo nuovamente File –> Nuova attività (esegui) dal menu della gestione attività e digitiamo Explorer.exe

Se abbiamo fatto tutto come si deve, Explorer sarà ripartito, sarà tornata la barra di Windows e con lei tutte le nostre vecchie icone!

Mag
5
2010

BumbTop Free fino al 7 maggio

bump_desktop

BumpTop è un software che simula la tridimensionalità del proprio desktop… Immaginate di poter avere uno spazio multidimensionale al posto del solito piattume… molto più fico, no? Impilare le varie icone, categorizzarle in maniera più comoda, aggiungere widgets come se fossero post-it o cartoline appese al muro…

Un software non indispensabile ma carino da tenere sotto mano ere far bella figura con gli amici meno smanettoni 😉 Ancora più carino per il fatto che, dopo essere stato acquistato da Google, è stato reso gratuito fino al 7 maggio… Affrettatevi dunque a scaricarlo!

Se volete vedere un’anteprima delle sue potenzialità, date un’occhiata a questo video molto esplicativo:

Mar
19
2010

Roberto Cota ed i virus…

L’ho sempre detto che votare Lega è pericoloso…

io-sto-con-cota

Scherzi a parte… occhio che c’è davvero un Worm all’interno del sito… si ringrazia il Nod32 per averlo bloccato e purgato immediatamente.

cota-worm

Si ringrazia, doverosamente, anche Firefox (e la Mozilla Foundation) che hanno un sistema efficace di prevenzione virus e malware… non si ringraziano Microsoft (per Internet Explorer 6, 7, 8), Opera, Apple (per Safari) e Google (per Chrome) che, invece, non fanno una piega e accettano tutta la merda del reame 😛

Segnalazione di Rollo!


EDIT: Rollo mi segnala che l’Unità ha parlato della questione omettendo, però, che il problema era risolto 5 minuti dopo che il problema era emerso 😛

EDIT:Il problema sembra essere stato provocato da uno dei moduli di Joomla che costituiscono iostoconcota.it (attacco exploit con iniezione di codice javascript malevolo… l’aggiornamento del modulo in questione dovrebbe renedere il sistema nuovamente sicuro).

Feb
26
2010

Acer Aspire 9300: problemi di Bios upgrade

ACER-ASPIRE-9300

Acer Aspire 9300: problemi di Bios upgrade

– Siete i felici proprietari di un Acer Aspire della serie 9300?

– I 1024 mega di ram installata non si bastavano e li avete portati a 4 giga?

– Il vecchio BIOS non vi soddisfa e ponderate un BIOS upgrade?

Se avete risposto affermativamente a queste 3 domande, NON AGGIORNATE IL BIOS alla versione 1.20 o rischierete di avere un fantastico notebook dead-like: schermo nero, nessun segno di vita, cpugramma (vi piace come neologismo geek?) piatto.

Avete già fatto il danno? No problem, togliete un banco di ram, riavviate il pc e riflashate il bios con una versione precedente (possibilmente stable!) tipo la 1.19 o 1.18 (la 1.17 la sconsiglio perché Rollo dice porti sfiga 😉 ).

Avendo rilevato questo problema su un notebook solo, non so bene se abbiamo avuto una botta di culo, se il bios è intollerante al tipo di ram montata o ad altre cause astrali, spazio/temporali o klingoniane… la base è assolutamente in-scientifica… ma questa, ad oggi, è l’unica soluzione al problema… val la pena provarla prima di buttare il pc dalla finestra 😛

Fatemi sapere se qualcuno riscontra lo stesso tipo di problema così aggiorno il post.

Feb
9
2010

LockerZ

lockerz

Ipod, X-box e altri hi-tech must-to-have gratis?

E’ quello che giurano i ragazzi di Lockerz, una nuova piattaforma di e-commerce in salsa 2.0. Ne parla TheNorba nel suo interessantissimo blog… ed io che fondamentalmente sono uno pseudo-nerd deviato mentale, non posso che accettare il suo invito (eh si, si accede solo su invito… e ovviamente ne ho un sacco per chi ne volesse… 🙂 ).

Il principio è semplice: iscrivendosi sul sito e loggando ogni giorno si avranno dei dollari virtuali (detti Pointz o PTZ)… 2 ad ogni login giornaliero…. che diventano 4 se si risponde anche alle domande del giorno (Dailies)… E se riusciremo ad invitare almeno 20 persone, i nostri punti giornalieri raddoppieranno. Raggiunto un monte PTZ alto, si ha diritto a spendere questi punti in gadget tecnologici spesso costosi. Per accaparrarsi i premi bisogna tenere d’occhio il sito che, di tanto in tanto, darà la possibilità di convertire i punti guadagnati con oggetti veri e propri con il metodo del REDEEM…. in pratica i gestori del sito hanno una certa quantità di oggetti e i primi che ne fanno richiesta (avendo abbastanza punti, beninteso) se li porteranno via.

Come facciano a tenere in piedi questo servizio è cosa oscura… fin’ora non ho visualizzato nemmeno una pubblicità (giuro, ho anche disattivato Ad Block :P) né ho ricevuto spam da parte loro… però il sito è ancora in fase beta quindi dovrò solo pazientare e sperare non si riveli una bufala gigante (parecchi video su YouTube smentiscono questa ipotesi ma sono tutti in lingua inglese… ci sarà da fidarsi?).

NOTA: in questo articolo, tratto da Webbando, c’è un’analisi interessante del fenomeno Lockerz (che, a quanto pare, è una costola di Amazon, famoso e-portal statunitense) e dei “come e perché” di un servizio del genere.

Se qualcuno fosse tentato può lasciare un messaggio a questo post con la propria mail e provvederò quanto prima ad inviargli un invito. Io intanto farò da beta tester, per le conferme dovrete aspettare che il mio monte punti raggiunga una quota decente 😛 Se ci saranno novità farò sapere quanto prima. Parola di boy scout!

Nov
7
2008

Gmail bloccato

Author JeKo    Category gmail, informatica     Tags

gmail

Può capitare che il vostro client di posta preferito (Outlook, Thunderbird, Apple Mail eccetera) non accetti più il vostro user name e/o password…

A me è successo giusto oggi, mi era concesso l’accesso (scusate il bisticcio di parole ma oggi proprio no nsono in forma 😛 ) tramite webmail (cioè passando dal sito gmail.com) ma Thunderbird continuava a rifiutarmi il download della posta, sia tramite configurazione IMAP che POP…

La soluzione solitamente è semplice: basta recarsi a questo indirizzo e compilare i 3 campi (user name, password e captcha. Premendo il mitico pulsante “sblocca” farà avvenire il miracolo, provare per credere 😛

Sto indagando sui motivi di un possibile blocco ma per ora è ancora tutto nebuloso… se avrò notizie aggiornerò il post, abbiate fede 😛

 

CheerZ

 

Ott
9
2008

E’ appena arrivato…

Author JeKo    Category eeepc, G33k zone, informatica     Tags

eeepc-901

… e già ho provato a smontarlo… ed ora, dopo un’ora e quattro minuti di vita lo sto formattando… sono davvero un cretino 😛

Comunque l’Eeepc 901 sembra fin da subito una gran figata! Ma con Ubuntu sarà ancora più fico 😛

Technorati Tag: ,,,,,,

Lug
16
2008

Audio troubleshooting

Recentemente mi sono imbattuto in questo simpatico errore su Windows Xp:

Impossibile disinstallare la periferica . E’ possibile che la periferica sia necessaria per l’avvio del computer.

PREFAZIONE:

Il problema nasceva in fase di formattazione di un notebook (nella fattispecie di un Ei System ei-systems-3090modello 3090it) a cui dovevo togliere Win Vista ed installare Xp… Ora, a parte il fatto che i driver per questo pc non esistono o quasi per Xp e che la Ei System non ha un sito web di riferimento (o quantomeno io non l’ho trovato), si può rimediare scaricandoli dal sito di TheTechGuys.

Dopo aver installato tutti i driver di sistema restava un problema con una periferica “high definition audio”. La scheda audio, Realtek ALC high definition non era correttamente visualizzata a causa dell’installazione da parte di Windows di alcuni driver generici. Questi driver, appunto, producevano l’errore in oggetto…

SOLUZIONE DEL CASO:

Aprire il pannello di controllo (Avvio -> Pannello di Controllo), cliccare su Sistema, scegliere la scheda “Hardware” e il pulsante “Gestione periferiche”. Aprire il sottomenu di “Periferiche di distema e disinstallare il “Driver bus UAA Microsoft per High Definition Audio”. Dopodiché scaricare ed installare i driver della vostra scheda audio (qui i driver per il notebook Ei System 3090it dal sito di softxia).

Dopo un doveroso riavvio del sistema tutto dovrebbe tornare a posto.

Nel caso fatemi un fischio 🙂

 

Giu
5
2008

Adsl… finalmente…

Author JeKo    Category geek, info, informatica     Tags

adsl

Finalmente un’adsl seria (o quantomeno semiseria visto che “sarebbe” una 4 megabit)… passiamo improvvisamente da una media pomeridiana di 20k/sec a circa 300… un bel salto di qualità! Rendiamo grazie ad Aemnet (divisione informatica di AEM Torino). Si prevedono tempi molto migliori 😛

 

CheerZ

 

Technorati Tags: ,,,

Citazione dell’anno


"Odiare i mascalzoni è cosa nobile"


Marco Fabio Quintiliano

Headers 2.0!

Headers 2.0 .... back again!
Paraponzi ponzi po'... gli headers son tornati... e tu che aspetti? Join the community! Scopri come (e scarica il .PSD!)

Que pasa aqui?

settembre: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Nuvolame vario

Commenti recenti

Archivi

This blog is – questo blog è…

100% Made in Italy

Admin area