Jun
10
2013

Licony Trail: a spasso tra le montagne

Licony Trail - il Bivacco Pascal, arrivo del Vertikal2000Licony Trail, a spasso tra le montagne

Per chi non lo sapesse, il12 e 13 di luglio 2013 avrà luogo il Licony Trail. Si tratta di una gara trail (corsa di montagna con lunghezza e dislivello importanti) divisa su due percorsi distinti con partenza da Morgex e transito nel comune di La Salle. I due tracciati hanno caratteristiche completamente diverse:

Il primo, definito appunto Licony Trail, è una gara di 25 km di lunghezza con dislivello positivo totale di 1300 metri (1300 D+), il secondo, definito Vertikal2000, come fa giustamente supporre il nome, è un doppio chilometro verticale (k2000) con lunghezza approssimativa di 10 chilometri ed uno sviluppo verticale di 2.000 metri esatti (si parte da Morgex, 920 metri sul livello del mare e si arriva al Bivacco Pascal a quota 2.920).

Non si tratta di due percorsi estremi (come possono essere un Ultra Trail Mont Blanc o un Tor des Géants) ma richiedono, comunque, una buona preparazione tecnica oltre alla piena consapevolezza che i chilometri da affrontare sono tanti e che correre in montagna non è come correre al parco sotto casa :D. Nondimeno queste sono gare elitarie: con un po’ di allenamento, la gara è affrontabile da quasi tutti. l’iscrizione è aperta a chiunque sia in buona salute (attestata da un certificato medico sportivo agonistico) e abbia compiuto almeno 15 anni di età.

Se vi interessa scoprire di più, vi invito a dare un’occhiata al sito (www.liconytrail.com) e, magari, finisce che ci vediamo sul tracciato di gara!

Buona corsa a tutti quanti! :)

 Licony Trail, Vertikal 2000

Download PDF Scarica l'articolo in formato PDF
Jun
9
2013

Internal server error 500 su Aruba: la soluzione!

Aruba e WordPress

Internal server error 500: il danno e la soluzione!

Alzi la mano chi ha un blog basato su WordPress ospitato sui server Linux di Aruba e non ha mai avuto un “Internal server error 500″! Nessuno? Proprio nessuno? Immaginavo… Bene, forse, dopo lunghi tentativi ed altrettanti litri di caffé per tenere alta la concentrazione, ho risolto il problema una volta per tutte… la soluzione è molto facile e, soprattutto, definitiva! Se qualche scettico sta pensando “scommetto che la soluzione è riparare le solite permission danneggiate”, dovrà ricredersi, la modifica che segue è definitivi e testata da me personalmente su 4 blog wordpress hostati su Aruba: in fase di aggiornamento automatico di temi, core e plugin, non ho riscontrato più nessun internal server error 500!

Seguitemi con attenzione:

  • Per prima cosa entriamo nella pagina di configurazione del nostro hosting aruba dall’indirizzo http://admin.aruba.it. Compiliamo il form con il nome del nostro dominio (ovviamente senza il WWW davanti), inseriamo il nostro user name aruba (qualcosa tipo 1234567@aruba.it), la relativa password e, infine, compiliamo il CAPTCHA;
    Xdebug && MAMP - step 1, login to Aruba admin panel
  • Nella zona denominata “LINUX AREA” troverete la voce Pannello gestione Hosting Linux, cliccatela;
    Xdebug && MAMP - step 2, scegliere l'amministrazione dell'hosting linux
  • Ora siamo all’interno del Pannello gestione Hosting Linux, in alto selezionate l’ultima tendina (Strumenti ed impostazioni);
    Xdebug && MAMP - step 3, scegliere "strumenti ed impostazioni"
  • Ora dovrete scegliere la voce “personalizzazione del file php.ini“;
    Xdebug && MAMP - step 4, scegliere il corretto file php.ini
  • Vi si aprirà una nuova finestra dove potrete selezionare la tipologia di file php.ini più adatta alle vostre necessità: per risolvere il nostro Internal server error 500, dovrete selezionare, ovviamente, la voce WORDPRESS;
    Xdebug && MAMP - step 5, scegliere php.ini per wordpress

Che ci crediate o no, questa è la soluzione ad ogni internal server error 500 causato da wordpress (ovviamente se il problema è relativo alle permission e non ad un plugin che fa casino… per quello dovrete scervellarvi in altro modo, mi spiace).

Se questa soluzione vi aiuta,lasciate un messaggio… se invece non dovesse bastare, fatemelo sapere e cercherò di darvi una mano :)

Buon blogging!

Download PDF Scarica l'articolo in formato PDF
Oct
21
2012

Xdebug && MAMP on Mac Os X Mountain Lion or Mavericks

Xdebug && MAMP for Mac OsX

Programmazione php + mysql in locale: MAMP for Mac OsX && Xdebug

Dopo il passaggio a Mountain Lion, previa formattazione del nuovo disco allo stato solido (per ora 120 giga ma vedremo di fare un update al più presto! fatto!), la classica procedura per abilitare Xdebug (per chi non lo conoscesse, si tratta di un modulo che semplifica tantissimo il lavoro di debugging, colorando i codici di errore ed indentandoli in maniera facilmente leggibile) sembrava non funzionare più. Se anche a voi capita la stessa cosa, ecco come risolvere:

Aprite un Finder (io uso Path Finder, se provenite da Windows e usate Total Commander vi tornerà sicuramente utile) e recativi alla cartella:

Applicazioni/MAMP/bin/php/php5.x.x/conf dove php5.x.x è la versione di php in uso su MAMP (lo potete vedere aprendo la schermata principale di MAMP e cliccando su “Preferenze…” -> “PHP”)

A questo punto aprite il file php.ini con il vostro editor di testo/php preferito (io uso NetBeans Coda e Sublime), cercate la stringa “[xdebug]” (probabilmente la troverete alla fine del documento) e inserite di seguito quanto segue (cancellando o commendando il codice di default):

[xdebug]
zend_extension=”/Applications/MAMP/bin/php/php5.4.4/lib/php/extensions/no-debug-non-zts-20100525/xdebug.so” ATTENZIONE, la stringa “no-debug-non-zts-20100525” cambia a seconda della versione di MAMP installato sulla vostra macchina!
xdebug.remote_enable=on
xdebug.remote_log=”/var/log/xdebug.log”
xdebug.remote_host=localhost
xdebug.remote_handler=dbgp
xdebug.remote_port=9000

EDIT: in realtà l’unica riga che serve per abilitare xdebug è zend_extension=”/Applications/MAMP/bin/php/php5.4.4/lib/php/extensions/no-debug-non-zts-20100525/xdebug.so”, le altre diciture abilitano il debug remoto. Abilitandolo potrete debuggare in tranquillità dal proprio IDE preferito (Netbeans, Eclipse, ecc.) anche se il vostro progetto non è in locale. A voi la scelta se lasciarle o meno… volendo potete commentarle aggiungendo un punto e virgola ( ; ) davanti alla stringa in modo da poterle decommentare a piacere in caso decideste di passare da una metodologia di lavoro client-client ad una client-server.

A questo punto dovrete solo ristartare MAMP e il gioco è fatto!

Ecco una comparativa tra l’output di un var_dump() prima e dopo l’abilitazione di Xdebug:


 

Download PDF Scarica l'articolo in formato PDF
Mar
23
2011

Giuliano Ferrara is back!

Ferrara

Giuliano Ferrara non mi è mai piaciuto, lo ammetto. Questo, dunque, sarà esattamente quello che già immaginate: un post di parte.

Sarà che non ho la televisione e quindi non pago il canone (come già dissi tempo fa) altrimenti avrei già mandato qualche decina di mail di protesta per la ricomparsa dell’elefantino sulla rete pubblica. Non contento di aver fatto una pessima figura alla presentazione della sua Radio Londra ai Tg1 (ricordate? Il signor Ferrara esordì dicendo “io sono schierato, non lo nego come fanno gli altri” per poi passare all’attacco del sostituto procuratore Ingroia che, durante la manifestazione del 12 marzo a favore della Costituzione, aveva parlato pubblicamente contro la riforma della Giustizia) e dopo aver allestito un banchetto per dare dei bigotti ai contestatori di Berlusconi e delle sue “amichette”, si è presentato, sgargiante nelle sue bretelle tirate a lucido, abbassando significativamente lo share serale di Rai1 che lo ospita (a 3.000 euro a puntata quanto pare) ottenendo un abbassamento di pubblico stimato attorno al milione di telespettatori (che, dai 6.881.000 del Tg1 sono passati improvvisamente a 5.915.000 di Radio Londra – dati Auditel).

La seconda puntata sembra essere andata anche peggio… Dai 6.785.000 spettatori del Tg1 delle 20, si è passati a 5.600.000 di Radio Londra (in una sola puntata, 315.000 spettatori persi).

Vedremo se il trend verrà confermato perché, sembra, le 200 puntate previste dal contratto di Giuliano “Elefantino” Ferrara, verranno registrate e trasmesse (e pagate) anche se il programma non raggiungerà uno share sufficiente e un adeguato incasso in termini pubblicitari.

Ma, ragazzi, questa è l’Italia… e se si è dalla parte giusta, tutto è possibile.

Download PDF Scarica l'articolo in formato PDF
Jan
6
2011

Notte

notte

Sempre qui, sempre di notte… La voglia di scrivere non è scomparsa, anzi! A dire la verità non si è mai sopita… Ma il tempo a disposizione è poco. La vita frenetica mi tiene lontano dalle cose belle, leggere e semplici come il riempire una pagina (cartacea o virtuale che sia) con lettere e numeri. Troppi pensieri per la testa… troppi impegni per poter dedicare tempo sufficiente a tutto ciò che mi piace…

La batteria prende polvere in cantina…

Il blog mostra un post nuovo al ritmo di 5 l’anno…

Le fotografie sono sempre meno…

I libri si accumulano sul comodino creando pile che gareggiano con i grattacieli…

Le scarpe  da corsa restano appese al chiodo…

In quest’epoca di frenesia totale non si riesce più a trovar tempo per nulla… è questa la vera rovina del ventunesimo secolo… La mancanza di tempo per coltivare hobby e godere di ciò che il mondo ci propone. Il restar chiusi in ufficio mentre fuori splende il sole è un po’ come essere morti prematuramente senza essersene resi conto. Rendersene conto può aiutare il risveglio… ma non sempre… a volte manca la forza fisica… o peggio quella interiore che ci fa smuovere e ci sferza. Ho bisogno di tornare attivo, lo so, lo sento! Ma non ci riesco… mi sto impigrendo pian piano… fate qualcosa, lanciatemi una ciambella di salvataggio!

Oppure lasciatemi qui, è con le mie gambe che devo uscirne… sono io a dover muovere il culo e smettere di frignare… la vita è mia ed io devo decidere che farne… Da domani si cambia! Si, di nuovo… e non sarà come le 100 volte precedenti… ce la posso fare… basta l’impegno… e la voglia… e il tempo… e…

Auguratemi buona fortuna.

Download PDF Scarica l'articolo in formato PDF
Nov
28
2010

Rispristinare le icone di Windows 7

explorer

Windows, si sa, spesso è capriccioso… e la sua capricciosità si riscontra in innumerevoli situazioni. A me è capitato proprio in questi giorni di assistere ad un evento bizzarro (non sto a spiegarvi i perché e i percome per non annoiarvi): le icone dei programmi (sul desktop, nella barra di avvio veloce e nel menu programmi) risultavano mancanti (cioè il disegno originale dell’icona era visualizzato usando la classica icona di link mancante) ma i programmi si aprivano senza problemi.

Per risolvere la cosa, dopo una breve ricerca su internet, la soluzione è saltata fuori.

Sappiate che il database delle icone è situato, parlando di Windows 7 (e anche Vista direi) in c:\Users\utente\AppData\Local e si chiama IconCache.db. Ovviamente al posto di utente si dovrà scrivere il nome dell’utente le cui icone risultano mancanti (se non sapete qual è il nome utente abbinato al vostro profilo, basta cliccare sull’icona di avvio in basso a sinistra  e leggere il nome della cartella dei dati personali dell’utente… nel mio caso è jeko per cui la cartella esatta è c:\users\jeko\AppData\Local.

La procedura è semplice: chiudete tutti i programmi in esecuzione, aprite il task manager (premendo ctrl + alt + canc –> avvia gestione attività oppure cliccando col tasto destro del mouse sulla barra di windows e scegliendo avvio gestione attività), cliccare col tasto destro su explorer.exe e selezionare termina attività.

Explorer.exe è il gestore della parte grafica di windows pe rcui, una volta ucciso il processo in questione, la barra di windows e ogni altra finestra (escluso gestione attività) verranno inesorabilmente chiuse. A questo punto, clicchiamo nel menù File e selezioniamo “Nuova attività (esegui)” e scriviamo cmd. Si aprirà la tanto amata/odiata console di DOS, una bella finestrella nera in cui il pc ci chiede di inserire comandi testuali.

Dovreste trovarvi all’interno della cartella c:\Users\nomeutente. (se non lo siete digitate cd.. tante volte quante serve per trovarvi nella root del sistema operativo, cioè visualizzando solo  c:\, e poi digitate il comando c:\Users\nomeutente). Ora digitate i comandi seguenti, seguiti da invio:

cd AppData/Local (vi dovreste trovare, dunque in c:\Users\nomeutente\appdata\local)

DEL IconCache.db /a (questo comando cancella la cache delle icone che verrà ricostruita al prossimo riavvio di Explorer.exe)

EXIT

Fatto ciò la finestra nera di DOS si chiude. Selezioniamo nuovamente File –> Nuova attività (esegui) dal menu della gestione attività e digitiamo Explorer.exe

Se abbiamo fatto tutto come si deve, Explorer sarà ripartito, sarà tornata la barra di Windows e con lei tutte le nostre vecchie icone!

Download PDF Scarica l'articolo in formato PDF
Jul
15
2010

Seri problemi al Datacenter di Seeweb

seeweb

La notizia è delle 16:00 ma riesco a scriverne solo ora: il data center di SeeWeb collocato a Frosinone risulta essere down a causa di una sfortunata serie di circostanze: un blackout ed un successivo problema al sistema di smaltimento dei gas degli UPS (con conseguente down degli stessi e infine collasso generale del DataC.).  Sul sito della società (tornato online da pochissimo) si legge quanto segue:

Oggi pomeriggio alle ore 16.00 abbiamo avuto un grave problema elettrico non dipendente da noi presso il datacenter di Frosinone, conseguentemente un problema legato al sistema di espulsione dei gas di scarico del gruppo elettrogeno ne ha provocato l’arresto e la conseguente fine autonomia dei gruppi UPS.
Stiamo procedendo al riavvio di tutti i servizi, seguiranno aggiornamenti.

Dopo tre ore di down di tutti i nostri siti web, caselle di posta e servizi associati (e conseguente sfilza di telefonate allarmate di TUTTI i nostri clienti), purtroppo, non risultano esserci aggiornamenti di rilievo… Unico segno di vita la mail automatica inviata da MailEnable che segnala l’attivazione (una tantum, ricevuta da pochi clienti) di una nuova casella… La cosa mi terrorizza alquanto… sa di perdita irrimediabile dei dati………… c’è da stare poco allegri. Se ce ne saranno, seguiranno news; stay tuned (e incrociate le dita per me!!).

EDIT: le due news di ieri sera/stanotte recitano:

  • 2010-07-15 21:01:30 – Aggiornamento
    il 95% dei servizi sono operativi dalle 18.00 permangono problemi su alcuni servizi cloud server (al momento sono impattati circa 50 Cloud Server) a causa di anomalie di funzionamento degli switch L2 ridondati.
  • 2010-07-16 01:55:01 – Aggiornamento
    Limitatamente a 3 server i problemi si sono protratti fino alle 23.30 a causa del danneggiamento di alcuni dischi. Al momento ogni cosa risulta regolarmente rientrata in servizio.

Sembra, dunque, tutto risolto. Speriamo in bene :)

Download PDF Scarica l'articolo in formato PDF
Jul
13
2010

Gran Trail Valdigne 2010!

profilo alt 47 kmEbbene si, anche se Running Passion se n’è dimenticato (non ho ancora trovato articoli in meritoe la cosa mi sembra un tantino strana EDIT: bastava aver un po’ più di pazienza e sarebbe giunto questo :D ), sabato 10 luglio 2010 (3 giorni fa) ha avuto luogo il 4° Gran Trail della Valdigne, edizione 2010!

Organizzato dai mitici Courmayeur trailers, la gara è stata, anche questa volta, una gran figata anche se (o, forse, soprattutto) più dura dell’edizione 2009. I percorsi, come d’abitudine, erano due: uno lungo 87 km (in realtà 88 a causa di una deviazione dell’ultimo minuto a causa di una frana) con 5.100 metri di dislivello positivo, ed una “corta” di 47 (per lo stesso motivo della gara lunga, 48) con 3.100 metri di dislivello positivo.

Le notizie ufficiali e serie potete trovarle direttamente sul sito della manifestazione (per esempio potreste leggere della vittoria sui 47 km di quel fenomeno di Jean Marc Chanoine che, mezz’ora prima della partenza, mi diceva – testuali parole –  “è la prima volta che corro una gara così lunga, non so cosa riuscirò a fare”), qui, a causa della natura frivola e goliardica del blog e del sottoscritto, solo una cronaca personale infarcita di superlativi a gogo della gara più breve.

Partenza alle ore 10 del mattino sotto un terrorifico sole allo Zenith (per quanto possa il sole essere allo Zenith a questa latitudine :P ) che picchiava forte sulle teste dei quasi 600 corridori allineati nella piazza principale di Morgex. La gara si fa immediatamente selettiva con una salita letale ai meno allenati che, dai 900 e rotti metri dello start, portava ai 2.920 del bivacco Pascal (con una progressione di quasi 2.000 metri di dislivello e quasi 11 km di lunghezza… argh!).

Proprio sul cucuzzolo, un folto gruppo di curiosi, supporter, amici e volontari si davano un gran daffare per scattare foto, segnare i tempi, rifocillare e rincuorare gli stanchi corridori o semplicemente applaudire tutti, nessuno escluso (e un grandissimo grazie di cuore va ad Atla, Nikka, Mauri e Roby che mi aspettavano con una birra in mano!! Mitici, mi hanno fatto dimenticare istantaneamente della fatica della salita!).


(Il lago di Licony coperto di ghiaccio!)

Da li, una spericolata discesa in neve fresca (ebbene si, non ci facciamo mancare nulla!), affrontata sciando con piedi o fondoschiena dai più audaci, a piccoli passi dai più cauti, porta prima al lago di Licony (anora gelato! un vero spettacolo!) e poi alla relativa frazione. A questo punto, dopo aver percorso la già interessante distanza di 18 km, si scarpina fino al punto acqua di Planaval (dove il sottoscritto si beve una seconda birretta – la seconda della gara- offerta da Paul, il mitico chef de La Jolie Bergère!). Dopo una breve sosta per il doveroso controllo dei tempi e una spiluccata veloce alle prelibatezze proposte dalla mitica organizzazione (durante questa sosta si potevano incontrare personaggi stramboidi tipo mio fratello e il suo buon compare Cicciofer che correvano avanti ed indietro per gestire la sosta degli atleti e raccontare, occasionalmente, qualche barzelletta via radio :D ), si riparte verso Punta Fetita. Il tempo, da caldo ed assolato si fa improvvisamente scuro, in lontananza tuoni e fulmini fanno pensare ad un proseguo agitato… ed infatti, proprio mentre la salita verso la vetta della montagna si fa più difficile, parte la pioggia… prima leggera e quasi confortante dopo tanta afa… ma subito diventa tesa e fredda… per trasformarsi, infine, in una grandine fitta fitta e decisamente fastidiosa. Grazie a tutti i santi del paradiso (quelli che ancora non sono precipitati a terra a causa delle funamboliche bestemmie causate dai clienti RN – Rollo ed FDK sanno… :P), il tempo si stabilizza giusto in tempo per la lunga discesa che da Punta Fetita, passando per il Col du Bard, Charvaz e La Fenetre porta a La Salle: 18 km di fango e rigagnoli d’acqua… le ginocchia ringraziano!

L’arrivo a La Salle segna la fine del saliscendi, oramai la gara è giunta al km. 42,  ne mancano solo 6 all’arrivo! L’ultimo passaggio attraverso la strada di Croix des Prés – Tzanta Merla (detta “delle Madonnine”), in piano, vede l’unica scena triste della gara… Il vostro amico JeKo (cioè io) viene sorpassato da Giuliano Cavallo, che sarà il vincitore della gara lunga… ebbene si, ha corso il doppio di me… e mentre io, faticosamente, mi apprestavo a concludere 48 travagliati km, lui, in apparente scioltezza, ne aveva già percorsi 88!!).

L’arrivo in volta a Morgex, tra due immense ali di spettatori ancora presenti (forse proprio grazie all’arrivo di Giuliano) è stato qualcosa di spettacolare! Applausi per tutti, pacche sulle spalle, la maglietta regalata solo a chi arriva in fondo (con la scritta “GTV Finisher”! :P ) e tante foto. Atla e Nikka, di nuovo presenti (stavolta in panni ufficiali di volontari) con Hervé (si narra di una sua performance di volontario durata due giorni filati senza grandi pause intermedie! Complimenti!) con un’ennesima birrozza per me (sembro proprio un alcoolizzato! Giuro, è solo apparenza :D ).

Durata totale della mia corsa: 10 ore e 22 minuti, 162esimo generale… considerando il tempo infame e il mio non proprio eccellente stato fisico (dovuto principalmente alla pigrizia), nemmeno troppo alto e abbastanza soddisfacente…

Ma il prossimo anno si farà di meglio, promesso, non mi doppieranno più!

 

Download PDF Scarica l'articolo in formato PDF
May
27
2010

Metal a Cappella? Van Canto!

Van Canto

Cosa succede se si prendono 5 bravi cantanti ed un batterista e gli si mischia con il canto a cappella e ad un sacco di famosissimi brani metal (Nightwish, Metallica, Iron Maiden, Stratovarius, Manowar e via discorrendo)? Si, lo so… lo avessero detto a me avrei gridato “blasfemia!” E invece i Van Canto mi hanno davvero stupito! A voi il giudizio:

(Van Canto – Battery (Metallica)

 

Download PDF Scarica l'articolo in formato PDF

Citazione dell’anno


"Odiare i mascalzoni è cosa nobile"


Marco Fabio Quintiliano

Headers 2.0!

Headers 2.0 .... back again!
Paraponzi ponzi po'... gli headers son tornati... e tu che aspetti? Join the community! Scopri come (e scarica il .PSD!)

Que pasa aqui?

December 2014
M T W T F S S
« Jun    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Nuvolame vario

Commenti recenti

Archives

This blog is – questo blog è…

100% Made in Italy

Admin area